Questo sito è stato realizzato con il contributo della Regione Liguria
Campagne
CALPESTARE I DIRITTI DEI LAVORATORI
23 giugno 2016
0

CYS-cover-800x600

La nuova inchiesta realizzata da Fair con la Campagna Abiti Puliti nell’ambito del progetto Change Your Shoes su come 23 aziende di calzature molto note in tutta Europa si stiano comportando per affrontare i problemi legati ai diritti umani nella loro catena di fornitura.

Ogni anno vengono prodotte nel mondo 24 miliardi di paia di scarpe e la maggior parte viene realizzata in Asia (88%), nei paesi a basso costo della manodopera. La catena di fornitura include lavoro ad alta intensità, processi pericolosi, pressioni su tempi e sui prezzi di consegna: tutto questo ha inevitabilmente un impatto negativo sulle condizioni di lavoro e di vita dei lavoratori. La campagna ha già denunciato, nel rapporto Una dura storia di cuoio, come uno dei settori più a rischio di questa industria sia la concia per le scarpe in pelle, dove i lavoratori mettono in pericolo la propria salute se non adeguatamente tutelati. Con un’altra ricerca, Tricky footwork, ha evidenziato il ruolo della repressione violenta dello Stato per mettere a tacere le rivendicazioni dei lavoratori in Cina, dove si cuciono scarpe a domicilio per pochi centesimi.

In questa cornice Change Your Shoes ha realizzato una valutazione di alcuni dei marchi più noti di calzature, per avere un quadro delle strategie messe in campo dalle aziende in tema di sostenibilità sociale e per fornire i consumatori di uno strumento valido per comprendere chi sta facendo di più e chi di meno per risolvere i problemi della catena di fornitura globale.

Come ricordavamo, i rischi di violazioni dei diritti umani e dei lavoratori nel settore sono molto alti: ciò nonostante 12 aziende su 23 non hanno risposto al questionario inviato, tra queste le italiane Ferragamo e TOD’S e anche quelle che lo hanno fatto non hanno fornito una solida evidenza circa le politiche aziendali attuate per garantire il rispetto dei diritti umani e del lavoro nelle loro catene di fornitura, con particolare riferimento al pagamento di un salario dignitoso. La mancanza di trasparenza si evince anche dal fatto che 14 di queste 23 non producono bilanci di sostenibilità, nonostante i Principi Guida su imprese e diritti umani delle Nazioni Unite sollecitino le aziende che svolgono operazioni ad alto rischio di violazioni dei diritti umani a riferire su come affrontino i problemi nella loro catena di fornitura.

Dalle informazioni ricevute da GEOX e Prada, i due marchi italiani che hanno risposto ai questionari, emerge un quadro di azioni insufficienti a garantire un’effettiva e completa attività di due diligence in grado di fare fronte agli impatti negativi della operatività economica sui diritti dei lavoratori che producono le loro calzature. GEOX ad esempio afferma di riconoscere un salario del 20% in più della media dell’industria nel suo stabilimento in Serbia ma non ha fornito elementi concreti di calcolo in merito. Secondo interviste ai lavoratori svolte in paesi limitrofi inoltre, il salario dignitoso stimato è molto distante dal livello minimo legale che nella maggior parte dei casi copre in media il 20% del fabbisogno reale. PRADA non ha fornito informazioni sui paesi di produzione e sul numero di fabbriche ma la nostre ricerche hanno rivelato che, oltre ai suoi stabilimenti in Italia e UK, produce anche in Europa dell’Est, Turchia e Vietnam. L’azienda ha rifiutato di mettere in chiaro la sua catena di fornitura e ciò dimostra la scarsa propensione dell’azienda a rendere conto del suo operato e di come affronta gli impatti negativi della sua attività sui lavoratori, ovunque essi producano.

“E’ sorprendente lo scarso livello di trasparenza dimostrato dai marchi europei analizzati e in particolare da quelli italiani” dichiara Deborah Lucchetti, presidente di Fair e portavoce della Campagna Abiti Puliti. “Rendere conto del proprio operato a partire dalla messa in chiaro delle informazioni che riguardano la filiera produttiva, è il primo passo fondamentale per prevenire, identificare e porre rimedio alle violazioni dei diritti umani come stabilito dai Principi Guida delle Nazioni Unirte per le imprese” continua Deborah Lucchetti “ Il nostro rapporto mette in evidenza quanta strada i marchi debbano ancora fare per garantire ai consumatori europei di acquistare calzature esenti da sfruttamento dei lavoratori e dell’ambiente, in qualunque parte del mondo esse siano prodotte.”

Change Your Shoes, promossa da 15 organizzazioni europee e 3 asiatiche condotta in Italia dalla Campagna Abiti Puliti, chiede ai marchi e ai distributori di effettuare azioni efficaci di due diligence per garantire che i diritti umani e le leggi sul lavoro siano rispettate lungo tutta la catena di fornitura. In particolare è fondamentale che sia garantiti diritti fondamentali come il pagamento del salario dignitoso, la libertà di associazione sindacale, la salute e la sicurezza sul lavoro.